Come dire addio allo sporco quotidiano

di

IRobot è un’azienda di robotica con immensa esperienza nel settore: da oltre 20 anni sviluppa tecnologie all’avanguardia, finalizzate alla creazione di robot per la casa utilizzati per la pulizia dei pavimenti. Eh si, i robot non sono solo quelli dei film di fantascienza ma anche quelli che ci aiutano nelle noiose e a volte pesanti attività quotidiane.
Il nuovo gioiellino di casa iRobot è iRobot® Braava jet™: un utilissimo robot puliscipavimenti capace anche di lavare, elimina sporco e macchie anche nei posti più difficili da raggiungere, ad esempio sotto i mobili della cucina e attorno ai sanitari. Insomma, è chiaramente una soluzione definitiva per la pulizia di casa. Ma come funziona? Un robot di tale capacità è sicuramente un complicato congegno tecnologico che però, nell’utilizzo quotidiano, è di estrema semplicità d’uso. È infatti sufficiente montare un panno Braava jet™ affinché il robot selezioni automaticamente il metodo di pulizia e inizi a lavare il pavimento o a pulirlo inumidendolo o lavorando a secco. iRobot® Braava jet™ è progettato per pulire pavimenti in parquet sigillato e piastrelle. Il robot Braava jet™ copre quasi 24 mq in modalità di pulizia umida/a secco e oltre 18 mq in modalità di lavaggio. Grande autonomia quindi, senza l’ansia di ricariche o di rimanere totalmente a secco di energia. I metodi di pulizia sono tre: lavaggio, pulizia umida, pulizia a secco che vengono selezionati automaticamente in base al panno utilizzato. Ed è proprio la selezione automatica a rendere praticamente elementare l’utilizzo di questo robot tanto piccolo quanto potente ed efficiente: non c’è bisogno di perdere la testa dietro decine di tasti o nel leggere centinaia di pagine di manuale, fa tutto da solo! Oltre ai programmi di pulizia di base, le funzionalità aggiuntive possono essere Precision Jet Spray e la testina di pulitura basculante. 



…Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on TumblrShare on RedditShare on StumbleUponShare on LinkedInDigg thisPin on PinterestPrint this page